itenfressu

Non sembra vero ma sono trascorsi 20 anni da quel primo maggio 2001 quando, 12 soci fondatori, davano vita all’Associazione Culturale-Ricreativa “Centro di Aggregazione Sociale Bakhita”. I soci fondatori provenivano da esperienze culturali e lavorative molto differenti tra di loro, tuttavia, all’unanimità accettarono di dar vita al nuovo soggetto. Probabilmente, ciascuno di loro aveva mire ed ambizioni differenti da poter realizzare attraverso la nascente Associazione. Il sottoscritto, oggi Presidente pro-tempore, al tempo coltivava l’interesse nel campo radiofonico e l’Associazione poteva dargli la possibilità di realizzare finalmente una emittente privata, ecco perché si fece promotore della stessa. Ridurre pero il neonato organismo solo ed esclusivamente a tale finalità non era possibile soprattutto perché gli altri soci non sarebbero stati d’accordo.

Per tale motivo l’oggetto sociale fu abbastanza ampio e comprendeva la realizzazione di iniziative culturali, mostre, convegni, un giornale locale e, naturalmente, la costituzione e/o gestione di una emittente privata. Nel corso degli anni le finalità dell’Associazione furono ulteriormente ampliate e ricompresero iniziative a sostegno della povertà, realizzazione e gestione del Museo della Pietra e dei Minerali unitamente ad altri due organismi locali e provinciali, inserimento nello statuto della adesione alla dottrina sociale della Chiesa Cattolica.
Come spesso succede in questi organismi la partenza fu a razzo ma la prosecuzione, negli anni successivi, a passo di lumaca, fino ad arrivare alla decadenza per morosità, tranne qualche rara eccezione, di tutti i soci fondatori ed ordinari. Pertanto, alla fine del 2008, l’Associazione era retta solo da tre soci, uno fondatore e due ordinari.

Con queste premesse appariva quasi impossibile continuare, tuttavia, limitando l’impegno alla sola gestione dell’emittente ed all’organizzazione della annuale festa liturgica in onore di S.G. Bakhita il “C.A.S. ha continuato ad operare e continua a farlo. La Radio nel 2009 si è definitivamente trasferita sul Web macinando consensi anno dopo anno. La festa in onore di S.G. Bakhita l’8 febbraio 2021 è arrivata alla 20^ edizione anche grazie all’appoggio dei sacerdoti della Parrocchia di S. Maria Assunta di Nicotera ed alla partecipazione alla funzione degli amici del “Gruppo Spirituale S. Croce” che hanno sposato questa iniziativa sin dalla nascita. Tutti gli anni, al termine della cerimonia religiosa, segue un momento di convivialità a cui partecipano familiari e soci dell’Associazione Bakhita, i componenti del citato Gruppo Spirituale ed altri amici che via via si aggregano. E’ un bel momento per stare insieme all’ombra di S.G. Bakhita. Inoltre, nel 2004, 2012 e nel 2017 è stato organizzato il viaggio a Schio (VI) al fine di rendere omaggio ai resti mortali di S.G. Bakhita che si trovano ai piedi dell’altare della Chiesa della Sacra Famiglia.

Si evita qui di parlare del culto per S.G. Bakhita avendolo fatto in tante pagine di questo sito, si tiene comunque a sottolineare ( e ne siamo fermamente convinti) che se abbiano continuato per vent’anni ( e continueremo a farlo) certamente qualcuno da lassù ci protegge.

Per il futuro, infatti, passata la pandemia, vorremmo incontrare i componenti il “Gruppo Amici di Radio Bakhita” (costituitisi il 31.03.2020 per dare sostegno alle iniziative della Radio e per testimoniare la comune fede) per un momento di convivialità ed amicizia. Si auspica, inoltre, di poter festeggiare, attorno ad un tavolo imbandito, con gli ex soci del “CAS Bakhita”, il traguardo dei primi vent’anni della nostra storia. A loro il nostro infinito ringraziamento per averci aiutati a fondare questa realtà.

Radio Bakhita