itenfressu

10 anniversario cas bakhita 001Il 30 aprile 2011 i soci fondatori, gli ordinari e gli amici del “Centro di Aggregazione Bakhita” di Nicotera, si sono ritrovati per festeggiare i primi 10 anni dalla fondazione.

L’Associazione “Bakhita”, che si ispira alla vita ed alle opere di Santa Giuseppina Bakhita, suora africana, appartenente alla congrega delle canossiane, è stata costituita il I maggio 2001 per volontà di 12 nicoteresi. L’intento dei soci fondatori era quello di costituire un laboratorio di idee dove l’esperienza del singolo diventava collettiva. Avremmo dovuto costituire una Radio Privata, un giornalino locale, mostre ecc.
Le energie di tutti noi, tuttavia, sono state assorbite dalla necessità di dare una mano di aiuto ai tanti bisognosi di questa comunità; grazie alla convenzione con il Banco Alimentare la natura del “Bakhita” cambiava, da associazione culturale veniva trasformata in associazione di volontariato. Veniva concretamente posto in essere uno dei cardini del cattolicesimo militante e cioè dare aiuto al bisognoso, al prossimo.
Questa “politica”, ovviamente, ha finito con il creare malumori e mal di pancia tra quei soci che cattolici non erano ma che, comunque,  della lotta contro ogni forma di sfruttamento avevano fatto la loro bandiera (almeno a parole).

L’aiuto ai bisognosi è durato tre anni, al termine dei quali, la Fondazione Banco Alimentare non rinnovava la Convenzione, per cui, l’aiuto verso i bisognosi, proseguiva una tantum soprattutto con iniziate private dei singoli soci.

Inoltre, tra le iniziative portate a termine nel corso di questi lunghi anni, vi è l’annuale festeggiamento di Santa Giuseppina Bakhita l’8 febbraio. La festa promossa dal Presidente, ha come obbiettivo far conoscere ai nicoteresi una Santa straordinaria di cui si innamora chiunque viene a conoscenza della sua vita vissuta. Presso la Chiesa della Santa Croce vi è una litografia che riproduce Bakhita davanti al Crocefisso; i rimanenti 99 esemplari di questa foto sono sparsi in tutto il Mondo nelle missioni dei padri comboniani. Avere ottenuto tale litografia è stato per noi bakhitiani sicuramente un privilegio ed un onore.

Presso la sede sociale esiste una piccola biblioteca ed una ludoteca dove i “bakhitini” (i figli dei soci ed i loro amici) trascorrono il tempo libero giocando, leggendo ed ascoltando musica. L’Associazione è stata, inoltre, membro della Consulta delle Associazioni di Nicotera, socio del C.S.V. di Vibo Valentia e tra i soci fondatori del “Museo della Pietra”, salvo poi, col tempo, dissociarsi da tali enti per il venir meno dei patti iniziali.

La Radio Privata è rimasta una chimera per le mutate condizioni delle leggi in materia; è stata comunque posta in essere la prima (almeno credo) emittente Radio Web di Nicotera, ascoltabile tramite Internet da questo sito e dai siti web della Radio stessa agli indirizzi: www.radiobakhita.it oppure www.radiobakhita.caster.fm ed, infine, dalla pagina facebook denominata Radio Bakhita.

La ricorrenza è stata comunque utilizzata proficuamente per fare il bilancio di questi primi 10 anni e per gettare un ponte per le iniziative future. E’ stata anche l’occasione per stare insieme con chi, pur avendo abbandonato da tempo, ha sentito la necessità di esserci in quanto il “Bakhita” al di là delle differenze ideologiche è e rimane un gruppo di amici che ha iniziato un cammino in una società schiava dell’individualismo e del menefreghismo, incapace di pensare “collettivo” e che ha lasciato agli altri (ma gli altri chi sono?) ogni iniziativa pubblica e privata. Rimane, pertanto, la volontà di esserci e di dare il proprio modesto contributo, anche attraverso la nostra Radio ed il nostro Sito Web, a quanti chiederanno il nostro supporto umano e spirituale.

  Il presidente del C.A.S. Bakhita

Radio Bakhita